IN OLANDA BOTTINO AZZURRO ALLA COPPA DEL MONDO DI EMMEN

Nonostante le assenze di peso come quelle di Zanardi, Porcellato e Mazzone, gli azzurri di Mario Valentini hanno ribadito ancora una volta la qualità, a livello internazionale, del nostro ciclismo paralimpico.

In quella che poteva costituire una prova generale in prospettiva degli imminenti Mondiali di Maniago - UD (in programma dal 2 al 5 agosto) la Nazionale ha fornito conferme e risposte interessanti che fanno ben sperare per la rassegna iridata.

Protagonista assoluto, nella MH1, è stato Fabrizio Cornegliani che ormai spadroneggia nella sua categoria. Primo nella crono con un distacco importante sul secondo (il finlandese Soponen ha fatto registrare più di due minuti dall’ azzurro) ha bissato l’ oro nella gara su strada staccando ancora il finnico di 1’38”.

Giorgio Farroni, nel triciclo (MT1) si è preso l’argento nella crono (battuto abbastanza nettamente dallo spagnolo Garcia Abella) per poi prendersi una bella rivincita battendo l’iberico in volata nella gara su strada. Non lontano dal gruppetto dei primi, Leonardo Melle è giunto al quarto posto dopo aver disputato un’ottima gara.

Il quarto oro per gli azzurri lo ha portato Fabio Anobile nella MC3, bravissimo a regolare in volata il belga Bosmans dopo che i due erano riusciti ad avvantaggiarsi staccando il gruppetto dei migliori.

La naturalizzata Ana Vitelaru porta a casa un argento ed un bronzo confermando i suoi vistosi progressi in considerazione del fatto che corre in Handbike da pochi mesi ed ha già scalato il ranking nella sua categoria (WH5)

Michele Pittacolo, fermo alcuni mesi per un serio infortunio, con le prestazioni in terra olandese,  pone la sua candidatura ad un podio iridato. Il friulano è bravo anche nella crono (che non è la sua specialità) aggiudicandosi un ottimo bronzo. Su strada, invece, solo la bravura del Russo Pudov gli impedisce di tornare sul gradino più alto del podio.

A Maniago, sulle strade di casa , Pittacolo potrà veramente essere un protagonista.

Gli altri tre bronzi arrivano da un sorprendente Andrea Pusateri nella MC1 (terzo su strada a stretto contatto col vincitore tedesco Senska e con il secondo arrivato , lo spagnolo Ten Argiles, e con Masini al quinto posto), da un ritrovato Andrea Tarlao nella MC5 strada, ed infine da Federico Mestroni terzo nella crono MH3 che ha rivisto in gara, dopo alcuni mesi di stop, Vittorio Podestà che si è piazzato al decimo posto.

L’ Italia con 4 ori, 3 argenti e 5 bronzi, si pone al quarto posto assoluto nel medagliere di questa prova di Coppa, dominata dagli Olandesi (12 – 6 – 1) davanti USA (11 – 6 – 4) e Germania (4- 4 – 5)